31 ottobre 2008

Il sogno della grande Onda Quantica

Sfogo dell'inconscio o messaggio profondo della coscienza? A chi studia il mondo onirico il sogno della grande onda è da tempo ben noto. Si tratta di un esperienza ricorrente che da anni "tormenta" un numero incredibile di persone. Chi lo ha fatto sa di cosa parlo. Sia pur sporadicamente, il sogno della grande onda, è qualcosa che mi capita tutt'ora e che ho sperimentato fin da piccolo.

Generalmente conserva le stesse caratteristiche: mi trovo su di una spiaggia, in una situazione di quiete, è giorno e solitamente noto la presenza di altre persone; improvvisamente la mia calma viene turbata dal repentino formarsi di un "muro d'acqua" gigantesco che si avvicina sempre più. L'acqua diventa scura e l'onda, alta centinaia di metri, non lascia presagire nessuna possibilità di scampo; la sorte di chi è sulla spiaggia come me è inesorabile ma pare che mi sia accorto solo io della drammaticità del fatto. Sento di non poter sfuggire all'evento e la mia impotenza mi sconvolge ma non è vero e proprio panico. Tuttavia mi sento affascinato dal fenomeno che si sviluppa lungo tutto l'orizzonte. Non appena il timore per la sopravvivenza cresce e tento di scorgere una qualsiasi via di fuga, avviene il risveglio. Consultandomi con altre persone e approfondendo, ho capito col tempo che l'onda rappresenta effettivmente qualcosa di grande. Esistono varie ipotesi molto interessanti. L’acqua nei sogni è simbolo dell’inconscio e del mondo emotivo e l’onda è rappresentazione di una grande quantità di energia che ha bisogno di essere liberata.

22 ottobre 2008

Siate pazienti e... intelligenti!

Grazie ad un messaggio coraggioso, ad un annuncio che ha dato speranza a tanta gente, l'ormai nota Blossom Goodchild (vedi post precedente) è stata letteralmente sommersa di insulti e minaccie. Si, perchè basta tradire la fiducia (o solamente darne l'impressione) delle persone, cosiddette per bene, per scatenare un vero putiferio. Si, perchè non c'è stata nessuna apparizione il 14 ottobre come invece aveva previsto la celebre contattista australiana. Niente, nada, nisba, nessuno spettacolo, nessuna foto digitale dell'evento, nessun omino verde insomma. Qualcuno ha persino spostato l'appuntamento dal dentista e invece... Che orrore approfittarsi così dell'ingenuità delle persone, non è vero?

6 ottobre 2008

14 ottobre 2008: verso il Contatto


Da qualche mese su alcuni blog, considerati per lo più affidabili, sta circolando una notizia davvero incredibile. Ma facciamo finta di niente e introduciamo comunque l'interessante vicenda con le dovute cautele.

Ricorderete l'interminabile filone di film di fantascienza che partì dall'America negli anni '50 con gli alieni "brutti e cattivi" che facevano danni a non finire fino all'arrivo delle mirabolanti forze militari terrestri che, sia pur arretrate tecnologicamente, grazie all'astuzia, alla tenacia e al patriottismo propri dell'essere umano, vincevano sempre. In realtà, il più delle volte, i poveri ivasori morivano di una sfiga qualsiasi (punture d'insetto, germi patogeni, musica, acqua, aria, diarrea) oppure fuggivano dalla disperazione imprecando contro gli umani in dialetto marziano. Quante sciocchezze ci hanno propinato per tutto questo tempo, adoperando proprio uno strumento popolare come il cinema. Come se ipotetiche popolazioni spaziali, dotate di astronavi, tecnologia medica avanzata, telepatia e tutto il resto, altro non fossero che civiltà in avaria (come noi) con l'impellente bisogno di conquistare nuovi mondi da sfruttare. Come se "da loro" non ci fosse più niente da consumare e venissero qui "da noi" , che di risorse ormai ne abbiamo il giusto, per schiavizzarci ancor di più o perchè attratti irresistibilmente dalla pubblicità dei Fonzies e dal decolté di Pamela Anderson.